Camomilla
( Matricaria chamomilla )



Camomilla Camomilla

FAMIGLIA: Asteraceae
NOMI COMUNI: Camamia, camamela, margarita, amareggiola, capomilla, calumiddra, crabumiglia, caboniglia.
LA DROGA: I capolini fioriti
QUANDO SI RACCOGLIE: I capolini si recidono all'inizio della fioritura, in maggio - giugno staccandoli dalla pianta con le unghie o con appositi pettini. Non raccogliere i fiori in avanzato stato di maturazione poichè tendono, con l'essicamento, a staccarsi dal capolino.
PROPRIETÀ: Antinevralgiche, antispasmodiche, antiinfiammatorie, digestive, sedative.
PRINCIPI ATTIVI: Olio essenziale (contenente la sostanza calmante chiamata Azulene), apigenina, sostanze amare.


COME SI USA LA DROGA

Oltre che come sedativo, la Camomilla è impiegata per attenuare i dolori che precedono o accompagnano il periodo mestruale e i dolori e gli spasmi del tubo digerente.
Buoni risultati si ottengono anche per applicazione esterna su pelli e mucose arrossate, infiammate e congestionate. Ottima in sciacqui contro mal di denti, in gargarismi contro i mal di gola.

USO INTERNO

I fiori: Per difficoltà di digestione, dolori addominali e mestruali, insonnia, eccitazione nervosa.

Infuso: 4 grammi in 100 ml di acqua. Una tazza due - tre volte al giorno all'occorrenza.

Tintura : 20 grammi in 100 ml di alcool di 60º (a macero per 5 giorni). Un cucchiaino dopo i pasti.

USO ESTERNO

I fiori: Per infiammazioni della cute, delle mucose della bocca e della gola.

Infuso: 10 grammi in 100 ml di acqua. Fare sciacqui, bagni, applicare compresse imbevute sulle parti infiammate per almeno 15 minuti.

USO COSMETICO

I fiori: Per imbiondire i capelli.

Infuso: 20 grammi in 100 ml di acqua. Applicare sui capelli dopo lo shampoo per 5 - 10 minuti esponendosi, se possibile, al sole.

I fiori: Come decongestionante e lenitivo: Una manciata nell'acqua calda del bagno.

Un buon olio di Camomilla per uso cosmetico, sedativo di rossori e infiammazioni cutanee, si ottiene facendo macerare 20 gr. di fiori in 100 ml. di olio di semi per due ore a bagnomaria e passandolo poi per tela.